La riunione si è basata su un'idea di Maria Piana e sui suoi personali contatti con alcune scuole

Presenti alla riunione:

Daniela Ruggeri

Maria Piana

Fulvio Ananasso

Daniele Monteleone

Sergio Di Carlo

Maria ha raccolto in alcune slide presenti in drop box due gruppi di scuole riguardanti istituti tecnici professionali riguardanti soprattutto il campo industriale e agricolo

I ragazzi seguiti da queste scuole hanno età che vanno dai 14 fino ai 18 anni

Il primo gruppo riguarda le scuole per l'ottenimento del diploma ma il gruppo più interessante riguarda gli istituti tecnici superiori professionali frequentati post-diploma che rappresentano il punto di unione tra il mondo della scuola e del lavoro

Questi istituti danno certificazioni di preparazione di introduzione al mondo del lavoro o di specializzazione ulteriore

Maria ha cercato di capire soprattutto l'ubicazione e le caratteristiche di questo tipo di istituti concentrandosi su quelli presenti su Roma e nelle vicinanze

L'obiettivo è far partire una sperimentazione su quelle scuole che si occupano di temi di nostro interesse.

Nello studio è emerso che questo studio è appoggiato da fondazioni, cosa che rende più difficile il loro avvicinamento; nelle scuole tradizionali è possibile riuscire a contattare il preside semplicemente tramite la mediazione di un professore che si è conosciuto precedentemente, ma nel secondo gruppo è necessario parlare con dirigenti e top manager che è più difficile contattare direttamente.

Nel corso della discussione è stato anche accennato (Daniele Monteleone) alla possibilità di creare un hackaton per gli studenti o di proporre un evento basato sui progetti portati avanti nel campo IoE dalle scuole, ma per il momento questa proposta è stata ritenuta troppo ambiziosa e si è preferito procedere secondo le attività seguenti:

  1. Eseguire una lista di scuole da contattare. E' un procedimento che Maria ha già iniziato e che potremmo tutti integrare.

  2. Lettera di presentazione per i presidi. E' necessario scriverla anche per chiarirci su cosa vogliamo proporre alle scuole. Si preferito procedere secondo un proposta button-up in cui si chiede al preside cosa stanno facendo nella scuola e si decide insieme a lui cosa è necessario fare, piuttosto che proporre noi qualcosa di già preparato e che potrebbe non interessare

  3. Ricontattare tutti e andare a trovare a chi interessa. Potremmo dividerci 3-4 scuole che Maria conosce per contattare personalmente i presidi. Le altre scuole potremmo contattarle semplicemente tramite email o fax, metodo questo non efficace ma che potrebbe funzionare sui grandi numeri (su molte scuole contattate statisticamente qualcuno potrebbe rispondere)

  4. Cercare i tutor che possono seguire i ragazzi. Questa attività è solo opzionale e la attiveremo solo se troveremo persone in grado di farlo

  5. Evento di comunicazione. Questa proposta di Fulvio Ananasso si riferisce ad un evento per far conoscere le attività del gruppo a cui saranno invitate le scuole. Questo evento sarebbe da organizzare entro maggio.

La prima cosa che faremo è il documento di proposta che verrà preparato in bozza da Maria entro il 9 febbraio assieme alla mappatura di scuole più facilmente avvicinabili e di quelle da contattare successivamente. Il documento verrà messo su google doc e sarà possibile a tutti di modificarlo e di inserire note per il suo completamento mentre la mappatura di scuole andrà a far parte di un database di raccoglimento email e fax.

La prossima riunione in skype verrà organizzata tra giovedì e venerdì prossimo, dopo di che cercheremo di organizzare una riunione fisica presso la sala del nostro club

Daniela

Visualizzazioni: 94

Risposte a questa discussione

Grazie per il verbale al quale sarebbe opportuno aggiungere la lista dei presenti.

Riguardo il coinvolgimento di ITS (superiori), sarebbe importante conoscere quali sono le società sponsor in quanto penso sia possibile cercare tra i soci CDTI per trovare eventuali "vie di comunicazione" verso di loro.

Penso che la proposta di Fulvio, evento comunicazione, è importante e da realizzare abbastanza presto per poter provocare eventuali spunti di idee e proposte per "cose da realizzare".

Penso sia importante che nel primo approccio "fisico" con le scuole si tenti di capire "verso cosa si indirizza

l'insegnamento della scuola e cosa stanno facendo in questa direzione" piuttosto che cosa vorrebbero fare.

Credo che un approccio "epistolare" sia inutile se non negativo ...ognuno di noi butta ogni giorno kili di pubblicità che troviamo nella nostra cassetta postale.

Riguardo hackaton sono d'accordo a rimandarlo perchè penso che sia interesse del GdL far partire una (o più) attività specifiche di un certo peso e non sperimentazioni "volanti". Esistono già vari lanci di hackaton "propagandistici" cui gli studenti possono partecipare ...credo che non ne serva un altro.

Riguardo i TUTOR credo che sia importante cominciare a contarci per verificare la quantità, se non la qualità che diamo per scontata, di risorse disponibili effettivamente.

 

Hai ragione ho aggiunto la lista dei presenti al verbale

Fulvio ha anche proposto di prendere contatti con il centro Elis che è molto attivo nella formazione professionale dei giovani, anche su tematiche di tipo tecnico. Da valutare se coinvolgerli anche nell'organizzazione dell'evento di comunicazione che potrebbe avere le finalità di un kick-off di progetto.

Sicuramente il Centro ELIS è molto attivo nell'istruzione professionale e potrebbe essere cointeressato in un progetto sperimentale.

Il problema, secondo me, è avere le giuste credenziali di accesso in quanto è una istituzione che fa capo ad Opus Dei che è molto gelosa delle sue iniziative.

Potrebbe essere utile investigare in ambito CDTI.

RSS

© 2019   Creato da Daniela Ruggeri.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio